Chiamiamo con lessico famigliare la nostra casa “Pozzo Bianco”. Un Pozzo Bianco è infatti al centro del cortile su cui si affaccia la cucina…cucina che si trova al centro della casa e ne è il suo cuore pulsante.

È una cucina grandissima, in stile provenzale, la stanza che amo di più in assoluto di tutta la casa: lì cucinare è facilissimo, anzi quando ho tempo cucino più del necessario proprio per il piacere di stare in cucina e viverla. In cucina ricevo le amiche, lavoro al computer, telefono, leggo….. e tengo a bada il mio labrador nero che non mi lascia mai sola un attimo. Probabilmente ama anche lui come me quella cucina più di ogni altra stanza della casa.

In un ripiano sotto al grande tavolo non ci sono solo cesti di patate, cipolle, spezie varie o limoni, ma anche libri e riviste a tema gastronomico in grande quantità. Sono raccolti in modo più o meno ordinato in pile che ogni tanto riordino….. e da cui oggi è spuntata una rivista con un titolo ”Castagne, Zucche e Funghi; ricette per riscaldare i primi freddi”. Da lì e da una ricetta ho preso spunto per questa zuppa


INGREDIENTI: 100 gr di farro, 150 gr di castagne, 2 patate medie (circa 250 gr), 2 rametti di rosmarino, qualche foglia di salvia, 1 foglia di alloro, brodo vegetale, olio extravergine d’oliva, sale, pepe

Preparazione
Lavare le castagne, inciderle con un coltellino lungo metà della loro circonferenza e lessarle facendole bollire nell’acqua salata con una foglia di alloro per circa 20 minuti. Scolarle e sbucciarle togliendo anche la pellicina interna.

Preparare del brodo vegetale.
Cuocere il farro al dente in parte del brodo vegetale, scolarlo e tenerlo da parte. In una pentola a parte porre 2 cucchiai d’olio e fare appassire lo scalogno affettato sottilmente: aggiungete quindi le patate pelate e fatte a pezzetti e dopo un paio di minuti aggiungere salvia, rosmarino ed il brodo vegetale.

Aggiungere il brodo poco per volta in modo che la zuppa arrivi alla consistenza che desiderate.

Controllare la sapidità e cuocere fino a quando le patate non sono quasi cotte: aggiungere quindi le castagne (in parte intere ed in parte sbriciolate ) ed il farro al dente. Completate la cottura per ulteriori 10 minuti e, se piace aggiungere un poco di pepe nero.

Lasciare riposare la zuppa, coperta, almeno un quarto d’ora prima di servire, riscaldandola leggermente .